A happy and fashionable wedding

Photographer Szilveszter Makó signed the Romeo Gigli SS 2020 campaign. Through 16 shots Makó captures the very essence of the movement. The clothes by Alessandro De Benedetti, visionary designer at the helm of the brand, take care of the rest.

Alessandro De Benedetti, Creative Director of Romeo Gigli

De Benedetti, strongly desired by the new owners of the brand, worked extensively in high-end fashion with Thierry Mügler and then in prêt-à-porter. Makó’s shots reveal oblique cuts and very light materials, overlays and ruffles. The forms are enveloping, embrace the body without ever forcing it.

SS 2020 Collection

The impalpable fabrics and feminine details, in the skilled hands of De Benedetti, become fertile ground for experimentation. After all, it is from the Haute Couture that the designer draws with both hands, the result is a poetic but contemporary collection.

Romeo Gigli SS 2020

Romeo Gigli’s woman is enchanting, wrapped in a cocoon of tulle she seems to come from a fairy world. Perennially poised between the office and a movie set, she twirls sensual but with a firm air. The brand could not choose a better fashion designer for its relaunch. Alessandro’s pencil, already awarded with the La Kore award, is the most suitable one to dissolve the oblivion in which the Maison had fallen.

A collection was enough to erase layers of dusty ordinariness. Alessandro moves at full speed, after all it would be a pity to imprison a talent so out of the ordinary. His collections have proven to be fascinating and know how to sell.

A talented fashion designer

In 2007 his woman wore deconstructed gaucho dresses made of glass sequins, gaining acclaim. Hilary Alexander, reporter for the Daily Telegraph, defines the collection as “exciting”. In the same year, the Extè brand entrusted him with the task of reinventing the suit. And he brought out a masterpiece made of treated jeans and woven mesh.

In 2008, during the Russian Fashion Week, he sent layers of chiffon and metallic macramé lace on the runway. In 2009, with the De Benedetti Bloodrouge project, he made handmade clothes using the origami technique combined with flexible bustiers.

His is always the merit of having renewed the Mila Schön brand, giving us a proud and strong-willed woman. Alessandro De Benedetti has a difficult task, to collect the baton of Romeo Gigli. But his sophisticated and surprising style will give us, as always, wonderful and unexpected results.

2 Comments
  1. Cindy

    June 4, 2020 11:34 pm

    What’s up friends, how is all, and what you want to say about this paragraph, in my view its in fact remarkable in support of me.

    • paolafarina

      June 10, 2020 8:53 am

      Thank you very much for your support!

Leave a Comment

Un matrimonio felice e alla moda

È firmata dal fotografo Szilveszter Makó la campagna di Romeo Gigli per la primavera 2020. Attraverso 16 scatti Makó coglie l’essenza stessa del movimento. Al resto ci pensano gli abiti di Alessandro De Benedetti, visionario stilista alla guida del brand.

De Benedetti, fortemente voluto dai nuovi proprietari del marchio, ha lavorato a lungo nell’Alta Moda con Thierry Mügler e poi nel prêt-à-porter. Gli scatti di Makó rivelano tagli obliqui e materiali leggerissimi, sovrapposizioni e ruche. Le forme sono avvolgenti, abbracciano il corpo senza mai costringerlo.

Alessandro De Benedetti italian fashion designers
Alessandro De Benedetti, Direttore Creativo di Romeo Gigli

La collezione PE 2020

I tessuti impalpabili e i dettagli femminili nelle mani sapienti di De Benedetti diventano un terreno fertile per la sperimentazione. Del resto è dall’Haute Couture che lo stilista attinge a piene mani, il risultato è una collezione poetica ma contemporanea.

La donna di Romeo Gigli è incantevole, avvolta in un bozzolo di tulle sembra uscita da un mondo fatato. Perennemente in bilico tra l’ufficio e un set cinematografico, volteggia sensuale ma con piglio deciso. Il marchio non poteva scegliere uno stilista migliore per il suo rilancio. La matita di Alessandro, già insignita del premio La Kore, è quella più adatta per dissolvere l’oblio in cui era caduta la Maison.

stilisti italiani famosi nel mondo
Un modello della collezione PE 2020

È bastata una collezione per cancellare strati di polverosa ordinarietà. Alessandro si muove a briglia sciolta, del resto sarebbe un peccato imprigionare un talento così fuori dal comune. Le sue collezioni hanno dimostrato di sapere affascinare e di sapere vendere.

romeo gigli ss 2020

Un talento fuori dal comune

Nel 2007 la sua donna vestiva abiti gaucho decostruiti in paillettes di vetro, riscuotendo consensi. Hilary Alexander, cronista del Daily Telegraph, definÍ la collezione “entusiasmante”. Sempre nello stesso anno il marchio Extè gli affidava il compito di reinventare il tailleur. E lui tirò fuori un capolavoro fatto di jeans trattato e maglia tessuto.

Nel 2008, durante la Russian Fashion Week, mandò in passerella strati di chiffon e pizzo macramé metallico. Nel 2009, con il progetto De Benedetti Bloodrouge, confezionò abiti realizzati a mano con la tecnica degli origami abbinati a bustier flessibili.

Suo è sempre il merito di avere rinnovato il brand Mila Schön, regalandoci una donna fiera e volitiva. Alessandro De Benedetti ha un compito difficile, raccogliere il testimone di Romeo Gigli. Ma il suo stile sofisticato e sorprendente ci regalerà, come sempre, risultati meravigliosi e inattesi.