The man who hated social and loved fashion

On one hand the aesthetics of simplicity, made of sharp silhouettes and linear shapes. On the other the aesthetics of elegance, with few prints and a lot of color well calibrated. Roberto Musso, an Italian fashion designer, is a certainty in the fashion world, a world subject to swirling changes of style.

Calm, gentle, deeply in love with his work, he does not belong to the generation of Millennials, who grew up in Instagram and 2.0, but speaks their language. Certainly his elegant approach is very far from the many style bowel howlers bouncing from social networks to the streets. But the wise and carefree use of blocks of color, the abstract motifs and the succession of lines now thin now thicker, give to his fashion a light touch.

come diventare personal shopper

His style

His woman is sparkling, modern, original without being extravagant. Besides Roberto has made the balance a philosophy of life. His style dresses more than undress and makes no concessions to the male wardrobe. Weights, cuts, volumes and fabrics are those of the Italian tailoring tradition, feminine and daring without ever being excessive.

The jackets follow the figure without forcing it, the trousers fall soft, the skirts sway without marking the hips and the clothes glide on the body until almost disappearing. Roberto prefers to reveal more than show, the neckings are never too deep, the lengths never too short. The only exception allowed is the chromatic one, orange, pink, green, yellow and flou shades to amaze.

how to become a famous blogger

Rigidity and softness give shape to portable but never trivial garments. The colors define the visual rhythm of each model, while the few abstract strokes and the intertwined belts balance the proportions. The designer remains true to himself in the new line Unique Edition, presented last winter and destined to have an increasing importance, while the label “Roberto Musso” will be declined in a capsule collection.

The collection

If the winter collection has given us beautiful coats with a vaguely oriental flavour, the summer is a tribute to the skirt. Wheel and half-wheel, strictly Midi, with charming details such as small tails and overlays of lines or metallic wires to illuminate the folds. The trousers remember more than the trousers-skirts, are ample, fluid, embrace the body without forcing it. The outerwear is screwed and maybe with important revers, but thanks to the cracks do not tighten.

Few accessories. There are the belts, which in the structure resemble the Japanese Obi, the essential jewels, made in collaboration with the designer Giulia Colussi, and the flat and colored sandals.

How to create a beautiful blog

Talking with Roberto

(Q) Good morning Roberto, I thank you for your time. Talk to me about Unique Edition…

(A) Unique Edition Roberto Musso is the line to which my team and I are working and which we launched last winter. In my projects it is destined to take on an ever greater relevance, while Roberto Musso will remain as a label of capsule collection especially for the foreign market. What prompted me to diversify the collections was the desire to tell a different woman, original, modern, not bridled in the clichés of fashion. The clothes are pieces with a strong visual impact, where there is a stylistic research not only on the forms but also in the use of colors and materials.

Roberto Musso Giulia Colussi
Fashion designer Roberto Musso with jewel designer Giulia Colussi

(Q) Unique is a hymn to individuality. All your collections categorically reject the diktat of style. Did you have any problems with your choice?

(A) No, I have a very specific and demanding target. Mine is a niche product, which works on small numbers. All my staff embraces my stylistic philosophy. My models are developed to meet the needs of a selected clientele, in search of garments that become expression of a very personal and uncommercial style.

The social

(Q) Today, due to the social networks, we witness a massive approval especially in the look. The younger generations seem devoid of individuality. How dangerous is this to adapt to a unique style?

(A) Every technological innovation has its pros and cons. While the ease of access and usability of social media has allowed a greater exchange of information and a sharing of thoughts and ideas, on the other hand has favoured the spread of the approximation. I am rather sceptical about the so-called “influencer“, it is mostly people who have little or no knowledge of fashion, its history, its people, what pushes them is some vague passion but limited skills. Before the dream of young people was to go on TV, today to be someone on Instagram. It is a much simpler, immediate dream that requires a minimal effort. The distorted data of followers, likes and engagement do not allow us to make precise estimates on the real impact of this phenomenon, if not when we see the distortions of style bouncing from a post in everyday life. I would like young people to have models a little less ephemeran and superficial to inspire, rediscover the pleasure of culture, knowledge, curiosity to know how something is done, the desire to touch a cloth or admire a beautiful painting.

(Q) What’s your relationship with social networks?

(A) I use them especially for work, then I stay old-fashioned regarding personal relationships.

Spring is coming…

(Q) Let’s talk about your SS2019 collection. You have chosen the skirt, a garment often sacrificed in the name of practicality. Is your invitation to rediscover femininity?

(A) I love skirts, so feminine and modern. Unfortunately they are often sacrificed in the name of practicality. With Unique I tried to develop skirts of design but very portable. A special recognition goes to my dressmaker, a former engineer. She manages to transform my ideas of cuts and overlays into something wearable!

(Q) Is there a color that can absolutely not be lacking in the closet?

(A) The blue, I love it, even if it not easy to sell.

personal shopper milan

(Q) And an accessory?

(A) I do not like them very much. I prefer a rigorous fashion, clean, without too much frills. For the SS2019 I made two concessions. One to Giulia Colussi, a friend of a lifetime, because her jewels are very close to my style. The other to the belts, twisted or plissetted, a tribute to Yohji Yamamoto, thanks to him I approached the fashion design.

Free time

(Q) What do you do when you don’t work?

(A) Unfortunately I do not have much time. When I do not draw I deal with all the practical and bureaucratic issues of the company.

(Q) A female figure who could embody the Unique spirit…

(A) I do not have an ideal woman, for me a garment is an object that must dress well. In my philosophy every model is destined to a unique woman, able to wear it and interpret it. Both, dress and person, complement each other.

(Q) You couldn’t live without…

(A) The mobile, there is my whole life, working speaking, in it. If I were to lose it, I would be a dead man (laughs).

(Q) What do you want to get rid of?

(A) Of Social Media! (laughs)

2 Comments
  1. Catalina

    July 7, 2020 10:04 pm

    Hurrah, that’s what I was looking for! Existing here at this
    blog, thanks admin of this website.

    • paolafarina

      July 12, 2020 4:51 pm

      Thank you Catalina for following the blog!

Leave a Comment

L'uomo che odiava i social e amava la moda

Da un lato l’estetica della semplicità, fatta di silhouette asciutte e forme lineari, dall’altra l’estetica dell’eleganza, con poche stampe e tanto colore ben calibrati. Roberto Musso, stilista milanese, è una certezza in un mondo, quello della moda, soggetto a vorticosi cambi di stile.

Pacato, gentile, profondamente innamorato del suo lavoro, non appartiene alla generazione dei Millennials, cresciuti a Instagram e 2.0, ma parla il loro linguaggio. Certo il suo approccio elegante è ben distante dai tanti strafalcioni di stile che rimbalzano dai Social Network alle strade, ma l’uso sapiente e spensierato di blocchi di colore, i motivi astratti e il susseguirsi di righe ora sottili ora più spesse, regalano alla sua moda un tocco leggero.

come diventare personal shopper
Un modello della collezione primavera-estate 2019

Il suo stile

La sua donna è frizzante, moderna, originale senza essere stravagante. Del resto Roberto ha fatto dell’equilibrio una filosofia di vita. Il suo stile veste più che svestire e non fa concessioni al guardaroba maschile. Pesi, tagli, volumi e tessuti sono quelli della tradizione sartoriale italiana, femminili e audaci senza mai essere eccessivi.

Le giacche seguono la figura senza costringerla, i pantaloni cadono morbidi, la gonne ondeggiano senza segnare i fianchi e gli abiti scivolano sul corpo fino quasi a scomparire. Roberto preferisce svelare più che mostrare, le scollature non sono mai troppo profonde, le lunghezze mai troppo corte. L’unica eccezione ammessa è quella cromatica, arancio, rosa, verde, giallo e tinte flou per stupire.

come diventare un blogger famoso

Rigidità e morbidezza danno forma a capi portabili ma mai banali. I colori definiscono il ritmo visivo di ciascun modello, mentre i pochi tratti astratti e le cinture intrecciate bilanciano le proporzioni. Lo stilista rimane fedele a se stesso anche nella nuova linea Unique Edition, presentata lo scorso inverno e destinata ad avere un peso sempre maggiore, mentre la label “Roberto Musso” verrà declinata in un’ottica di capsule collection.

La collezione

Se la collezione invernale ci ha regalato splendidi cappotti dal sapore vagamente orientale, quella estiva è un omaggio alla gonna. A ruota e a mezza ruota, rigorosamente Midi, con dettagli vezzosi come piccole code e sovrapposizioni di righe o fili metallici a illuminarne le pieghe. I pantaloni, quando ci sono, ricordano più delle gonne-pantalone, sono ampi, fluidi, abbracciano il corpo senza forzarlo. I capispalla sono sì avvitati e magari con i rever importanti, ma grazie agli spacchi non stringono.

Poche, pochissime concessioni agli accessori. Fanno capolino le cinture, che nella struttura ricordano gli Obi giapponesi, i gioielli essenziali, realizzati in collaborazione con la designer Giulia Colussi, e i sandali bassi di nappa colorata.

fashion trends spring 2019

Parlando con Roberto

roberto musso giulia colussi
Roberto Musso e l'amica Giulia Colussi

(D) Buongiorno Roberto, ti ringrazio per il tempo che hai deciso di dedicarmi. Parlami un po’ di Unique Edition, il tuo progetto…

(R) Unique Edition Roberto Musso è la linea  a cui io  e il mio team stiamo lavorando e che abbiamo lanciato lo scorso inverno. Nei miei progetti è destinata ad assumere una rilevanza sempre maggiore, mentre Roberto Musso rimarrà come label di capsule collection soprattutto per il mercato estero. Quello che mi ha spinto a diversificare le collezioni è stato il desiderio di raccontare una donna diversa, originale, moderna, non imbrigliata nei cliché della moda. I capi di Unique, come suggerisce il nome, rifuggono dall’omologazione, si tratta di pezzi dal forte impatto visivo dove c’è una ricerca stilistica non solo sulle forme, ma anche nell’uso dei colori e dei materiali.

(D) Unique è un inno all’individualità. Tutte le tue collezioni rifiutano l’omologazione ai diktat dello stile. Ti ha creato problemi questa tua scelta?

(R) No, ho un target ben preciso e molto esigente. Il mio è un prodotto di nicchia, che lavora su numeri contenuti. Tutto il mio staff abbraccia la mia filosofia stilistica, i miei modelli sono sviluppati per rispondere alle esigenze di una clientela selezionata e alla ricerca di capi che diventino espressione di uno stile molto personale e poco commerciale.

I social

(D) Oggi, complici i social network, assistiamo a una massiccia omologazione soprattutto nel look. Le generazioni più giovani sono le più colpite e paiono prive di individualità. Quanto è pericoloso questo adeguarsi a uno standard univoco?

(R) Ogni innovazione tecnologica ha i suoi pro e i suoi contro. Se da un lato la facilità di accesso e la fruibilità dei Social Media ha consentito un maggior scambio di informazioni e una condivisione di pensieri e idee, dall’altro ha favorito il dilagare dell’approssimazione in un po’ tutti i campi. Sono piuttosto scettico riguardo ai così detti “influencer”, si tratta per lo più di persone che hanno poca o nulla conoscenza della moda, della sua storia, delle sue persone, quello che li spinge è una qualche vaga passione ma competenze limitate. Prima il sogno dei giovani era di andare in TV, oggi di essere qualcuno su Instagram. È un sogno molto più semplice, immediato, che richiede uno sforzo minimo. I dati falsati di follower, like ed engagement poi non ci consentono di fare stime precise sul reale impatto di questo fenomeno se non quando vediamo le distorsioni dello stile rimbalzare da un post nella quotidianità. Io vorrei che i giovani avessero modelli un po’ meno effimeri e superficiali a cui ispirarsi, che riscoprissero il piacere della cultura, della conoscenza, la curiosità di sapere come è fatta una cosa, il desiderio di toccare con mano una stoffa o ammirare un bel dipinto.

personal shopper milan

(D) Che rapporto hai con i social network?

(R) Li uso soprattutto per lavoro, poi rimango vecchio stile per quanto riguarda le relazioni personali.

È arrivata la primavera

(D) Parliamo un po’ della tua collezione SS2019. Hai scelto come filo conduttore la gonna, un capo spesso sacrificato in nome della praticità. Il tuo è un invito a riscoprire la femminilità?

(R) Adoro le gonne, così femminili e moderne. Purtroppo spesso vengono sacrificate in nome della praticità. Con Unique ho cercato di sviluppare gonne di design ma portabilissime. Un riconoscimento particolare va alla mia modellista, un ex ingegnere, è lei che riesce a trasformare le mie idee di tagli e sovrapposizioni in qualcosa di indossabile!

(D) C’è un colore che non può assolutamente mancare nell’armadio?

(R) Il blu, lo adoro, anche se si vende pochissimo.

(D) E un accessorio?

(R) Non amo molto gli accessori, preferisco una moda rigorosa, pulita, senza troppi fronzoli. Per la SS 2019 ho fatto due concessioni, a Giulia Colussi, amica da una vita, perché i suoi gioielli sono molto vicini al mio stile; e alle cinture, intrecciate o plissettate, un omaggio a Yohji Yamamoto, è grazie a lui che mi sono avvicinato al design.

italian fashion designers

Nel tempo libero

(D) Cosa fai quando non disegni?

(R) Purtroppo ho pochissimo tempo. Quando non disegno mi occupo di tutte le questioni pratiche e burocratiche dell’azienda.

(D) Una figura femminile che potrebbe incarnare lo spirito Unique…

(R) Non ho una donna ideale, per me un capo è un oggetto che deve vestire bene. Nella mia filosofia ogni modello è destinato a una donna unica, capace di indossarlo e interpretarlo. Entrambi, abito e persona, si completano a vicenda.

(D) Di cosa non puoi fare a meno?

(R) Del cellulare, dentro c’è tutta la mia vita, lavorativamente parlando. Se dovessi perderlo sarei un uomo morto (ride).

(D) E di cosa invece vorresti liberarti?

(R) Dei Social Media! (ride)