The sustainable challenge

He is really beautiful, but that Tiziano Guardini was also easy-going and nice was a pleasant discovery. The fashion world is rather inclined to salamartos and little to genuineness, but this dark and athletic boy, born in 1980, is an enfant-prodige who will talk about himself for a long time.

The beginnings

Not only because in 2017 he won the “Franca Sozzani GCC Award for best emerging designer” award, for a degree in economics left in the drawer or for the “pine needles” jacket with which, in 2012, he passes easily from the edition of limited / unlimited at the Vogue Fashion Night Out in Rome. Trifles for a talent that, at some point, decides to abandon a brilliant career in the world of finance to devote body and soul to his first, true, great love: fashion.

Tiziano Guardini
Fashion designer Tiziano Guardini

It will be for a good dose of unconsciousness, a certain stubbornness, the visionary talent that recalls that of another tenacious and virtuous style, Riccardo Tisci, or perhaps, more simply, for that auspicious name, Tiziano, as the artist and innovator of the Arts.

The successes

What is certain is that Tiziano Guardini grinds consents and success, in 2013 he participates in the WHITE Trade Show in Milan and his models are exhibited at the Royal Albert Hall in London. The 2014 sees him protagonist in the UN headquarters in Geneva, on the occasion of the event Fashion for Forest and Forest for Fashion, in 2015 he finds the time to amaze everyone with a sculpture dress made with liquorice roots for the exhibition food, tales about food and fashion.

The costume designer and Oscar winner Milena Canonero does not let him escape and the two, in 2016, collaborate for the realization of the show Cum Grande Humiltate. The rest is recent history, a fashion show at the Milan Fashion Week, a very stylish line of ready-to-wear and a beautiful Couture collection to take your breath away. He loves to call it ECOture, not to deny his green soul, the rest in his palmares could not miss a Green Carpet Award, the Oscar for sustainable fashion.

It is in Haute Couture that Tiziano expresses the best of himself, where he finds the synthesis of his entire journey, as a man and as a fashion designer. Innovation and tradition, respect for the environment and glamour, artisan expertise and a fair amount of madness. It all starts from nature to return to nature, often repeats it to himself and his collaborators and now his parents believe it too.

Chatting with Tiziano

(Q) Hi Tiziano, thank you for agreeing to meet me. Tell me something about you…

(A) Tiziano is a dreamer, a brave, a determined, a spiritual, sensitive person who seeks the “sun” in everyday life and those around me would certainly add a precise and a workaholic… So much so that some call me “Stakanov”! But I feel it as a compliment and a confirmation of how much passion and professionalism I put into what I do.

(Q) Before becoming a fashion designer you earned a degree in Economics. Why did you change direction?

(A) At 11 I had already decided that I wanted to be a fashion design, but my parents did not really believe in an “artistic” work, especially because there were no “securities”. When I started working with this degree, seeing myself from the outside, I realized that I was living a life that was not mine and that I really “needed” to create and so I did the admission test for the Koefia Fashion Academy in Rome.

Tiziano Guardini & Naomi Campbell at GCC Franca Sozzani Award
Tiziano Guardini & Naomi Campbell at GCC Franca Sozzani Award

(Q) I guess everyone at home was a bit surprised, have ever tried to dissuade?

(A) Yes absolutely, as I told you before it was a good fight.

(Q) Let’s talk about your sustainable approach to fashion. What is your relationship with the environment?

(A) I have always felt the need to live in harmony, but I recognize that today it is not easy. Today it is still difficult to have an “impact 0” on the environment. However we are moving in that direction and this makes me extremely hopeful. The nature, the Earth, the environment that surrounds us are not ours, we are part of a balance that we have to perceive and with which we must get in tune. In everyday life we ​​can already do a lot, changing the approach to what we buy even for detergents at home or our approach to unbridled consumerism.

(Q) In addition to the prêt-à-porter, you also have an Haute Couture line called ECOuture, respectful and sustainable. Can I ask you in terms of time, difficulty and money what is the difference between one of your couture garments and that of a non-green brand?

(A) Meanwhile, the search for materials is enormous and is not so obvious, both for new products and for the purpose of reusing something that has already been produced, such as fabrics or accessories made from parts of existing garments. In a garment we are making, in which there will be sequins, we have done a huge research on old disused productions. Really fun for me and my staff, but equally challenging. The cost is not prohibitive, I assure you, and I think it is relative if we think that often we pay the brand and not necessarily the quality of a product.

sustainable fashion designers
An ECOuture model

(Q) Recently I read that Burberry has destroyed garments for almost 30 million euros. It seems to be a common practice for many brands, but few admit it. Do not you think that these policies are not only little respectful towards the planet and the workers, but also counterproductive for brand awareness of a brand?

(A) Absolutely! It is above all now that a sensitivity towards the environment and respect for human dignity is growing. #makeachange

(Q) It seems that for many brands the environmental issue is only a facade. For many emerging brands and designers, on the other hand, it is vital. You teach us that you can make beautiful and sustainable fashion, Helsinki Fashion Week is a hotbed of green talent, because then this awareness can not become a habit even among established names?

(A) Changing a structured company is not easy and unfortunately I know economics. At this point it is only necessary to understand who is interested in making the change in a sustainable context.

AW 2018 collection

(Q) How many hours do you work a day?

(A) Currently an average of 15 hours because I’m preparing the show and work for private clients.

(Q) Was there a time when you thought you could not do it?

(A) Yes absolutely, the question is “how many times”. (laughs)

(Q) You are young and talented, you have collected a slew of prizes to envy emblazoned names. Are you happy?

(A) I feel sincerely and certainly very satisfied with all this.

(Q) What would you like to achieve within the next five years?

(A) A dance show or a movie with sustainable costumes!

(Q) If you had not become a fashion designer now you would be…

(A) A classic dancer.

2 Comments
  1. Dorothy

    November 5, 2020 2:25 pm

    I enjoy reading a post that can make men and women think.
    Also, thanks for allowing for me to comment!

    • paolafarina

      November 14, 2020 2:22 pm

      Hi Dorothy,
      I’m pleased you like the blog so muche :)

Leave a Comment

La sfida sostenibile

Bello è bello, ma che Tiziano Guardini fosse anche disponibile e simpatico è stata una piacevole scoperta. Il mondo della moda è piuttosto incline ai salamelecchi e poco alla genuinità, ma questo ragazzo moro e atletico, classe 1980, è un enfant-prodige che farà parlare di sé per molto tempo.

Gli inizi

Non solo perché nel 2017 si è aggiudicato il premioFranca Sozzani  GCC Award for best emerging designer", per una laurea in economia parcheggiata nel cassetto o per la giacca “aghi di pino” con cui, nel  2012, passa con disinvoltura dall’edizione di limited/unlimited alla Vogue Fashion Night Out di Roma. Quisquiglie per un talento che a un certo punto decide di abbandonare una brillante carriera nel mondo della finanza per dedicarsi anima e corpo al suo primo, vero, grande amore: la moda.

Tiziano Guardini
Tiziano Guardini

Sarà per una buona dose di incoscienza, una certa caparbietà, il talento visionario che ricorda quello di un altro tenace e virtuoso dello stile, Riccardo Tisci, o forse, più semplicemente, per quel nome beneaugurante, Tiziano, come l’artista e innovatore delle arti.

I successi

Quel che è certo è che Tiziano Guardini macina consensi e successo, nel 2013 partecipa al WHITE Trade Show di Milano e i suoi modelli vengono esposti alla Royal Albert Hall di Londra. Il 2014 lo vede protagonista nella sede dell’ONU di Ginevra, in occasione dell’evento Fashion for Forest and Forest for Fashion, nel 2015 trova il tempo di stupire tutti con un abito scultura realizzato con radici di liquirizia per la mostra L'eleganza del cibo, tales about food and fashion.

La costumista e premio Oscar Milena Canonero non se lo lascia scappare e i due, nel 2016, collaborano per la realizzazione dello spettacolo Cum Grande Humiltate. Il resto è storia recente, una sfilata in programma il prossimo 20 Settembre in occasione della Milano Fashion Week, una linea stilosissima di prêt-à-porter e una collezione Couture bella da togliere il fiato. Lui ama chiamarla ECOture, per non smentire la sua anima green, del resto nel suo palmares non poteva mancare un Green Carpet Award, gli Oscar della moda sostenibile.

È nell’Alta Moda che Tiziano esprime il meglio di sé, dove si trova la sintesi di tutto il suo percorso, come uomo e come stilista. Innovazione e tradizione, rispetto per l’ambiente e glamour, perizia artigiana e una giusta dose di follia. Si parte dalla Natura per tornare alla natura, lo ripete spesso a se stesso e ai suoi collaboratori e adesso ci credono anche i suoi genitori.

Chiacchierando con Tiziano

(D) Ciao Tiziano, grazie per avere accettato di incontrarmi. Mi racconti qualcosa di te?

(R) Tiziano è un sognatore, un coraggioso, un determinato, una persona spirituale, sensibile che cerca il “sole” nella quotidianità e chi mi sta accanto sicuramente aggiungerebbe un preciso e uno stakanovista… Tanto che alcuni mi chiamano “Stakanov”! Ma lo sento come un complimento e un riscontro di quanta passione e professionalità metta in quello che faccio.

(D) Ho visto che prima di diventare stilista hai conseguito una laurea in Economia. Cosa ti ha spinto a cambiare rotta?

(R) Io a 11 avevo già deciso che volevo fare lo stilista, ma i miei genitori non credevano molto in un lavoro “artistico”, soprattutto perché non c’erano “sicurezze”. Quando poi ho iniziato a lavorare nella finanza mi sono accorto che vivevo una vita non mia e che avevo davvero “bisogno” di creare e così ho fatto il test d’ingresso per l’accademia di moda Koefia a Roma.

(D) Immagino che a casa siano rimasti tutti un po’ stupiti, hanno mai cercato di dissuaderti?

(R) Si assolutamente, come ti dicevo prima è stata una bella lotta.

Un'anima green

(D) Sei tra i giovani sustainable fashion designer più promettenti, Qual è il tuo rapporto con l’ambiente?

(R)  Io ho sempre sentito la necessità di viverci in armonia, ma riconosco che ad oggi non è facile. Oggi ancora è difficile avere sull’ambiente un” impatto 0”. Tuttavia ci stiamo muovendo in quella direzione e questo mi rende estremamente speranzoso. La natura, la terra, l’ambiente che ci circonda non sono nostri, noi facciamo parte di un equilibrio che dobbiamo percepire e con il quale dobbiamo entrare in sintonia. Nel quotidiano possiamo già fare molto, cambiando l’approccio a cosa compriamo o il nostro modo di consumare.

Tiziano-Guardini-haute-couture

(D) Oltre al prêt-à-porter hai anche una linea di Alta Moda che si chiama ECOuture, rispettosa e sostenibile. Posso chiederti in termini di tempo, di difficoltà ed economici qual è la differenza tra un tuo capo couture e quello di un marchio non green?

(R)  Intanto la ricerca di materiali è enorme e non è così scontata, sia per prodotti nuovi che nell’ottica di riutilizzare qualcosa che è stato già prodotto, come tessuti o accessori ricavati da parti di capi già esistenti. In un capo che stiamo confezionando, in cui ci saranno delle paillettes, abbiamo fatto una ricerca enorme su vecchie produzioni dismesse. Davvero divertente per me e il mio staff, ma allo stesso modo impegnativo. Il costo non è proibitivo te lo assicuro, e credo che sia relativo se pensiamo che spesso paghiamo la marca e non necessariamente la qualità di un prodotto.

(D) Recentemente ho letto che Burberry ha distrutto capi per quasi 30 milioni di euro, sembra sia una prassi comune per molti brand ma pochi lo ammettono. Non credi che politiche di questo tipo siano non solo poco rispettose verso il Pianeta e i lavoratori, ma anche controproducenti per la brand awarness di un marchio?

(R)  Assolutamente sì, soprattutto adesso che sta crescendo una sensibilità verso l’ambiente e il rispetto della dignità umana. #makeachange

(D) Sembra che per molti marchi la questione ambientale sia solo di facciata. Per tantissimi brand e designer emergenti invece è di vitale importanza. Tu ci insegni che si può fare moda bella e sostenibile, la Helsinki Fashion Week è una fucina di talenti green, perché allora questa consapevolezza non riesce a diventare abitudine anche tra i nomi affermati?

(R)  Cambiare un'azienda strutturata non è facile e da economista purtroppo lo so. A questo punto bisogna solo capire a chi interessa fare il cambiamento in un contesto sostenibile.

 

Tiziano in pillole

(D) Quante ore lavori al giorno?

(R)  Una media di 15 ore.

(D)  C’è mai stato un momento in cui hai pensato di non farcela?

(R)  Si assolutamente, la domanda è “quante volte” (ride)

(D)  Sei giovane e di talento, hai collezionato una sfilza di premi da fare invidia a nomi blasonati. Sei felice?

(R)  Mi sento sinceramente e sicuramente molto soddisfatto di tutto questo.

(D)  Cosa vorresti realizzare entro i prossimi cinque anni?

(R)  Uno spettacolo di danza o un film con costumi sostenibili!

(D)  Se non fossi diventato stilista ora saresti…

(R)  Un ballerino classico.